Torta senza bilancia

Si dice che la pasticceria sia una scienza esatta… Io sono d’accordo solo in parte, a volte le ricette più semplici e casalinghe sono quelle che ci danno maggiore soddisfazione, soprattutto quando si è alle prime armi, come con ricette come questa che non necessitano della bilancia per dosare gli ingredienti ma di un semplice cucchiaio! La torta a cucchiai è quella che forse preparo da sempre, una delle prime che ho imparato sin dai tempi del liceo, gli anni 2000, ma questa è senz’altro una ricetta vintage, anni ’80, insegnatami da mia zia che la prepara sin dagli anni dell’università e che la utilizza da sempre anche come base per le torte di compleanno dei miei cugini che sono sempre un mega successo. Questa torta pare fu inventata da un’amica, una certa Patrizia che ha ribattezzato col suo nome questo dolce dall’impasto estremamente soffice e senza burro che si presta a molte varianti e può essere arricchito e personalizzato come più si preferisce, inoltre è un dolce che può essere inzuppato e reggere creme e ripieni così da realizzare una torta a strati. Negli anni ho sperimentato personalmente questa ricetta innumerevoli volte e si è rivelata ideale per ogni tipo di tortiera: tonda, quadrata ma anche con stampi come plumcake, muffin e il mio preferito, che ho scelto per questa ricetta: il ciambellone. Provate almeno una volta questa torta semplice e veloce e vedrete che per un bel po’ nelle vostre cucine sarà un susseguirsi di “cucchiaiate”!
Difficoltà: bassa
Preparazione: 15′
Cottura: 30′
Dosi: a scelta tra: stampo a ciambella di ∅ 28-30 cm; stampo tondo di ∅ 24-26 cm; stampo rettangolare di 20×30 cm circa; stampo classico da plumcake; stampo per 12 muffins.
Costo: basso
Ingredienti
  • 16 cucchiai di farina
  • 12 cucchiai di zucchero
  • 3 uova
  • 10 cucchiai di latte
  • 4 cucchiai di olio (di semi o extra vergine dal gusto delicato)
  • 1 limone
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di lievito
Procedimento
p1 p2 p3
Iniziare dosando in una ciotola la farina setacciata, le cucchiaiate non devono essere scarse ma neanche troppo abbondanti, dovranno formare una cupoletta ovale, unire così anche lo zucchero. Formare una conca al centro ed unire le uova e le cucchiaiate di olio e latte. Sbattere tutti gli ingredienti insieme con le fruste elettriche per almeno 5 minuti, in seguito aromatizzare l’impasto con la scorza grattugiata del limone, la vanillina e il pizzico di sale.
p4 p5 p6
Lavorare l’impasto per altri 3 minuti e terminare incorporando il lievito, lavorando con le fruste per un altro minuto. A questo punto è possibile personalizzare l’impasto come meglio credete, io ad esempio l’ho arricchito con 60 g di gocce di cioccolato. Imburrare e infarinare uno stampo a piacere, io ho scelto una forma a ciambella di 28 cm di ∅. Versare l’impasto e infornare a 180° statico, livello centro-inferiore, per 30′, prima di sfornare fare la prova stecchino, una volta cotta lasciare intiepidire la torta a cucchiai nello stampo prima di sformarla!
Note
n1Ecco alcune varianti che ho sperimentato negli anni:

  • CAPPUCCINO – prima di unire la dose di latte scioglierci dentro 4 cucchiai di cappuccino solubile, volendo arricchire l’impasto con 100 g di cioccolato bianco tritato che si sposa benissimo con il caffè.
  • CIOCCOLATO – incorporare 4 cucchiai di cacao amaro e 2 di latte, volendo arricchire con 100 g di cioccolato fondente tritato.
  • GOCCE DI CIOCCOLATO – da unire all’impasto a piacere, sostituibili con cioccolato tritato.
  • MARMORIZZATA – versare metà impasto bianco nello stampo, il rimanente arricchirlo con 2 cucchiai di cacao e 1 di latte, quindi unirlo a quello bianco e marmorizzare passando una forchetta con movimenti a spirale.
  • NUTELLA – dopo aver versato l’impasto nello stampo, far colare sulla superficie un barattolino da 400 g di Nutella precedentemente ammorbidito a bagnomaria, dopo la cottura tagliare a quadrotti come fossero brownies.
Conservare la torta in un contenitore apposito e consumarla entro 5 giorni, se farcita con creme e bagne occorre conservarla in frigo.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *